SPECIALE BENVENUTO! Inserisci il codice WELCOME06 e avrai diritto ad uno sconto del 5% valido sul tuo primo acquisto!

Barolo docg Monvigliero 2014 Comm. G. B. Burlotto

Altre caratteristiche

È la vigna-simbolo di Verduno, baluardo di eleganza nel Barolo. Il vino più rappresentativo dell'azienda, un vero mito!

La vendemmia viene svolta a mano, al fine di preservare l’integrità del frutto e permettere, se necessario, una selezione delle uve che in seguito vengono trasportate in cantina in cassette da 20 kg. Vinificazione a grappolo intero (con uva non diraspata) in tini aperti di rovere francese. Macerazione a cappello sommerso per circa 2 mesi. Per non lacerare il raspo la pigiatura dell’uva viene ancora effettuata con i piedi.

Fermentazione malolattica e successiva maturazione in botti di rovere di Slavonia e Allier da 35-50 ettolitri per circa 3 anni. L’imbottigliamento viene effettuato solitamente in estate senza interventi di chiarifica o filtrazione e successivamente il vino riposa in cantina per almeno 9 mesi prima di essere commercializzato.


G.B. Burlotto è una piccola tenuta nel borgo piemontese di Verduno, particolarmente nota per i suoi vini della varietà Nebbiolo. La tenuta è uno dei principali proprietari del cru Monvigliero e il vino risultante è considerato uno dei più grandi di tutti i Barolo.

La vinificazione rimane molto tradizionale, con uve pigiate a piedi, e macerazioni molto lunghe. Al contrario, l'invecchiamento in botte di solito avviene in grandi botti di rovere francese, piuttosto che in quelle di Slavonia.

Il vigneto Monvigliero della tenuta è uno dei più famosi della Langa. Un complesso sistema di terreno di argilla, limo, sabbia e componenti calcarei con un aspetto esposto a sud e un'altitudine di 300 metri sul livello del mare creano un terroir ideale per i 2 ettari di viti piantate qui.

La tenuta è stata fondata dal Commendatore Giovanni Batista Burlotto. Il titolo è stato assegnato per i suoi sforzi nel mettere il Barolo sulla mappa internazionale del vino - il nome completo della tenuta è Comm. G.B. Burlotto.

Una delle cantine più famose del Piemonte nel 19 ° secolo, Burlotto è stato uno dei primi produttori di Barolo a vincere medaglie in concorsi internazionali. La tenuta fu pioniera nella vendita del Barolo in bottiglia, servì come fornitore ufficiale della Real Casa di Savoia e riuscì a stabilire il profilo di Verduno. Tuttavia, alla morte di G.B. nel 1927 sprofondò in una relativa oscurità, prima di tornare alla ribalta sotto il suo pronipote Fabio Alessandria, l'attuale enologo.


Caratteristiche

  • Nome del vino: Monvigliero

  • Annata: 2014

  • Denominazione: Barolo docg

  • Provenienza: Italia-Piemonte

  • Vitigni: Nebbiolo 100%

  • Suolo: Terreno di argilla, limo, sabbia e componenti calcarei con un aspetto esposto a sud e un'altitudine di 300 metri sul livello del mare

  • Estensione e tipo d’impianto: 2 ha

  • Vinificazione e affinamento: Vinificazione a grappolo intero (con uva non diraspata) in tini aperti di rovere francese. Macerazione a cappello sommerso per circa 2 mesi. Fermentazione malolattica e successiva maturazione in botti di rovere di Slavonia e Allier da 35-50 ettolitri per circa 3 anni. 9 mesi in bottiglia prima di essere messo in commercio.

  • Grado alcolico: 14%

  • Formato: 75 cl

  • Bottiglie prodotte: 8000